• Federica Tamborini

6 Riti d'amore per rendere magica la cerimonia civile o simbolica

COME PERSONALIZZARE LA CERIMONIA


Anche per questo post, come per quello sull'abito corto, chi mi conosce bene, lo sa, sono di parte: adoro con tutta me stessa la cerimonia civile! Perché? Perché, a mio avviso, è la più reale, la più vera, l'unica che sancisce inesorabilmente l'unione legale fra due persone. Per carità, con questo non voglio dire che la cerimonia cattolica non sia valida o meno importante, ma, per i miei gusti, questo tipo di celebrazioni sono un po' troppo rigide e lasciano poco spazio alla "coppia".

L'emozione, quella vera, quella che racconta di voi e della vostra storia, è possibile sentirla sia in quelle civile che cattoliche, ma credo che nelle prime sia gli sposi che gli invitati si sentano davvero più partecipi e coinvolti.

Lo sapevate che, volendo, la celebrazione può essere officiata anche da un vostro caro amico piuttosto che dal Sindaco? Già questo per me significa molto! E poi ci sono così tante tradizioni e riti di altre culture dalle quali è possibile prendere spunto per avere una cerimonia intima, coinvolgente ed unica!

Il matrimonio simbolico, che non ha alcuna valenza giuridica in quanto non viene celebrato né nelle sedi degli Uffici Pubblici Comunali né in quelli religiosi e che non viene celebrato né da Sindaci o chi per loro né da Ministri religiosi, permette, ancor più di quello Civile, la massima personalizzazione dell'evento. E' la perfetta soluzione per coloro che desiderano semplicemente celebrare la propria unione, magari dopo una frettolosa cerimonia civile o che, ad esempio, hanno diversa fede religiosa o, più frequentemente oggigiorno, non considerano necessario firmare un contratto per dichiararsi amore eterno.

Al di là delle scelte fatte, esistono innumerevoli possibilità di rendere queste due cerimonie davvero magiche. Alcuni rituali, romanticissimi e coinvolgenti, sono talmente antichi che ancora non se ne conosce l'origine storica! Vediamoli insieme!

1 - Rito della luce o delle candele

Uno dei più famosi e "gettonati": i due sposi, all'inizio della cerimonia, accendono ciascuno una candela sottile e lunga e la posizionano accanto ad un'altra più grande (ancora spenta). Questa situazione rimarrà così fino allo scambio delle fedi nuziali quando, al termine, entrambi gli sposi prenderanno le due candele, simbolo della propria individualità, per accendere insieme quella più grande, simbolo della nuova vita di coppia. La candela verrà poi riaccesa ad ogni anniversario.


2 - Rito della sabbia