• Federica Tamborini

Il regalo di nozze: mai chiederlo sulle partecipazioni

COME RISPETTARE IL GALATEO E LE REGOLE DI BON TON


Lo so che leggendo il titolo del post di oggi avrete strabuzzato gli occhi e vi sarete dette "ma questa dove vive??"... lo so, lo so...


Lo so che sono la solita Wedding Planner alternativa che, invece di assecondarvi in tutto e per tutto, deve sempre dire la sua (e molto spesso è la solita voce fuori dal coro). Ma che ci devo fare? Certe cose proprio non riesco né ad accettarle, né a capirle fino in fondo.


Ok, veniamo al punto, lo ammetto: non credo sia elegante aggiungere nelle partecipazioni, in qualsiasi forma, i riferimenti per ricevere il regalo di nozze.


Ecco. L'ho detto.


Sostanzialmente mi aggrappo al galateo come una cozza sugli scogli (non mi veniva altro paragone al momento, abbiate pazienza!). Che sia scritto sulle partecipazioni o con un biglietto a parte, trovo non sia carino chiedere ai propri ospiti di non presentarsi a mani vuote! (perché, in soldoni, è di questo che si sta parlando).


Lo so che questo mio pensiero può non essere compreso dalla maggior parte di voi. Lo capisco perfettamente.


Come so che oggi la lista viaggio e la lista di nozze sono le soluzioni più pratiche ed efficienti con cui si riesce ad indirizzare gli invitati nella scelta del regalo più gradito (niente doppioni e tanto tempo risparmiato per entrambi).


Ma a me davvero non va giù l'idea di fare la richiesta di un dono. Non sarò al passo con i tempi, sarò impopolare, ma a me proprio non piace. E non si tratta di ipocrisia, badate bene. E' semplicemente una moda che non accetto.


IL REGALO DI NOZZE NON E' LO SCOPO DELLA PARTECIPAZIONE NE' DELL'INVITO

Secondo voi, a cosa servono le partecipazioni? a dire "venite e bussate con i piedi"?... No care amiche, le partecipazioni servono per comunicare ai propri ospiti che in tale giorno, in tale luogo, a tale ora, vi sposerete. E che avete piacere di condividere questo giorno così importante per voi con loro che sono la vostra famiglia, i vostri amici più cari.

Punto. Fine.

Andare ad aggiungere, anche con un biglietto a parte (quello dell'agenzia di viaggi) o con una frase scherzosa (tipo "se volete contribuire al nostro viaggio in Usa") o più formale (esempio, "gradito regalo in busta") che ci tenete ad una bella ricompensa per averli fatti mangiare e divertire al vostro matrimonio, anche no.


Scusate, non ci sto.